Jump to content

PsychoII

Tifoso Juventus
  • Content Count

    692
  • Joined

  • Days Won

    1

Everything posted by PsychoII

  1. Ciao hopper, Puo essere, siamo alla seconda giornata e sicuramente non siamo nella testa di Pirlo. In ogni caso, con la formazione da te proposta, si dovra lavorare su scalate diverse, non solo nelle strutture, ma anche nelle diagonali etc.
  2. Ed un giudizio tecnico sulla fissazione degli ultimi giorni. Pirlo e'stato criticato ferocemente, perche ha schierato gli esterni a piede invertito, e si e'letta spesso la valutazione tecnica ''che gli esterni a piede invertito perdono due/tre tempi di gioco''. Non esiste valutazione piu errata. Perche? Per un semplice motivo. I tempi di gioco sono una cosa relativa. Ripeto, i tempi di gioco sono una cosa relativa, relativa alle dinamiche di gioco e relativa alle caratteristiche del giocatore a livello neuro-visio-motorio. Dicono che gli esterni sul piede forte sono agevolati ad andare sul fondo. La partita contro l'Atletico e'stata la partita dove la Juve ha effetuato il maggior numero di cross. Aveva esterni sul piede forte? No!!! Spinazzola era a piede invertito, in dinamiche di gioco che consiglierebbero l'esatto contrario. Un esempio pratico che smentisce la valutazione tecnica iniziale. Ci sono migliaia di contesti che smentiscono la valutazione tecnica iniziale, come per esempio, in vari periodi le squadre di Guardiola. Tralatro, la focalizzazione sul piede invertito e'errata, perche come scritto prima, esistono esempi pratici che dimostrano il contrario. Ma nessuno di quelli che hanno criticato Pirlo ha parlato degli interni a piede invertito. E qui il vero problema. Perche? Mi potete dire uno, ripeto UNO (non migliaia come nel caso degli esterni del piede invertito) di contesti vincenti (Real, Bayern, Barca etc. scegliete voi) ha mai avuto due interni (che sia in un centrocampo a 2 o a 3, fa lo stesso) con piede invertito? Non ce ne NESSUNO!!!!
  3. Chiesa lo prendi perche puo ricoprire 4-5 ruoli. La duttilita tattica nel calcio moderno e'un fattore determinante, specialmente per chi vuole effetuare un calcio basato su strutture. Non capiro mai questa fissazione per i giocatori ''specializzati''. La specializzazione del ruolo, era una cosa ricercata da Sarri. Tralatro, tali giocatori sono un limite nel calcio moderno. Kante per esempio, ha vinto una Premier giocando in un ruolo, ed un Mondiale in un altro. E bisogna considerare un'altra cosa: Gagliardi, Chiesa lo ha ''allenato'' e studiato come match analyst, il che significa che puo fornire dati di performance di prima mano ai nostri addetti ai lavori responsabili del mercato, cosi da permettere una valutazione piu accurata. Con la rosa attuale comunque, da quel poco che si e'visto, credo che Pirlo voglia arrivare ad una cosa del genere: Cuadrado De Ligt Bonucci Alex Sandro Kulusesvki Bentancur Arthur Bernardeschi Dybala Ronaldo Il modulo di riferimento rimane sempre quello di posizionamento, quindi la struttura difensiva. Ma e'appunto un riferimento, e i nomi devono essere valutati sulle connessioni e le relazioni che possono sviluppare e supportare sul campo.
  4. Secondo me, la valutazione dei progetti inizia coi ruoli sbagliati. Non esiste ''progetto Allegri'', ''progetto Sarri'' e ''progetto Pirlo''. La figura dell'allenatore nei progetti pluriennali non e'ne la piu determinante ne la piu importante. Sono tutt'altre le figure che devono essere costanti in tali progetti. Primo, serve uno capace di programmare e monitorare il ''progetto'' a tutto tondo. Quindi, stiamo parlando di una figura stile Ragnick, il quale non solo programmava e monitorava il modello Leipsig, ma tutto l'universo Reb Bull (compreso Salsburg e New York), sotto il profilo sia tecnico che economico. Secondo, servirebbe valutare l'organigramma. Il Liverpool per esempio ha un department di research, e in questi anni, dove il calcio si correla sempre di piu con vari campi scientifici (analisi dati, biomeccanica, neuroscienza, intelligenza artificiale etc.), secondo me, serve assolutamente un settore analogo, quindi, stiamo parlando dell'importanza di una figura stile Ian Graham. Terzo, il responsabile per disegnare le metodologie dell'allenamento deve essere sempre lo stesso, cosa che aveva fatto il Barcellona con Paco Seirul-lo. L'ultima volta che l'abbiamo fatto era il periodo 1999-2004, con la figura di un tale Jens Bangsbo. Poi, sicuramente, nei piani alti serve un simbolo stile Nedved o Bettega. Non c'entra il loro ruolo, perche priorita ha il fatto di essere un simbolo di juventita. I simboli hanno estrema importanza. In fine, ci possono essere le figure stile Paratici, responsabili per le aree scouting e giovanili. Come notate, nei progetti pluriennali, ci sono una marea di figure molto piu importanti dell'allenatore. Sull'allenatore si puo sbagliare, nelle figure sopracitate no. L'allenatore puo essere cambiato piu volte durante un progetto pluriennale, le altre figure no.
  5. Permettetemi comunque una provocazione: Contate i giorni fin quanto si scrivera che ''Arthur si limita al passaggino''. Perche se Pjanic veniva spesso confrontato con Pirlo e ne usciva con le osse rotte, Arthur in un paragone analogo con Xavi (sui passaggini semplici e all'indietro) ne esce annichilito.
  6. Tralatro, per quanto riguarda lo stretto, Kulusevski possiede una ottima dote di arresto, nella quale puo incorporare la giocata e/o il cambio di direzione, che risulta in una rapidita di esecuzione elevata. Ci puo stare tranquillamente nel traffico.
  7. Ciao CANDitO, Si, giusto, condivido al 100% la tua osservazione.
  8. Ciao Nico, A me Rabiot non dispiace, lo ritengo un'ottimo giocatore. Nei quattro ci sta benissimo. Poi le gerarchie, le stabilira il campo. Ma il nostro quartetto lo ritengo valido.
  9. Ciao Dark, Secondo me, invece, Kulusevski se la cavera sempre bene nello stretto, perche ha dei tempi di passaggio fuori dal comune e intensita di movimento. Stretto non equivale esclusivamente dribbling e turns. Per esempio l'azione del colpo di tacco sulla destra con smarcamento sul fondo e'una azione nello stretto, che indica le caratteristiche appena sottolineate.
  10. Nel primo gol, sbaglia clamorosamente McKennie. Quelli non sono assolutamente tempi di smarcamento in ricezione, con l'avversario cosi vicino e su passaggio medio-lungo. Per questo motivo si chiamano ''giovani''.
  11. Una cosa che mi ha incuriosito di Rabiot, e'che nel recupero palla non fa molto affidamento alla sua forza ''upper body'', ma alle sue leve lunghe. In certe situazioni, questo puo incidere sulla sua reattivita. Comunque a centrocampo ci manca un TOP (e forse manchera per qualche anno ancora), ma per una mediana a due, siamo stracoperti, con soluzioni valide sia nei titolari che nelle riserve.
  12. Una cosa che e'stata poco sottolineata, ma che secondo me, e'stata una della cose da ''sperimentare'', era il coinvolgimento di Szczesny in fase di costruzione. Ieri non abbiamo costruito esattamente a tre, forse anche per difficolta imposte dall'avversario, Ramsey spesso si e'abbassato per aiutare, mentre Szczesny e'stato incitato piu volte alla conduzione. Si puo sentire dal fondo, credo Baronio, urlare ''portala, portala'' nella seguente azione di gioco: Credo che si ricerchi una trasformazione di Szczesny in una sorta di Ter Stegen/Neuer. Sicuramente il polacco non e'ai loro livelli coi piedi, ma lo ritengo di livello medio-alto sotto questo aspetto. P.S. Imagine presa dall'articolo: https://www.ateralbus.it/cinque-cose-negative-di-roma-juventus-analisi-serie-a/
  13. A livello tattico la strada, secondo me, e'ben dettagliata, e le cose ricercate sul campo sono abbastanza chiare. Personalmente non ho nessuna obiezione sulle modalita di gioco, tralatro credo che il fattore tattico, sia tra i meno determinanti in una squadra vincente. Pirlo dovra essere valutato sul lato strategico e letture ''real-time''. Ma la mia piu grande preoccupazione nasce dall'atteggiamento. C'e'una solite linea che contradistingue l'entusiasmo di portare idee nuove dalla testardagine ad essere per forza ''innovativi'' e ''moderni''. Pirlo non deve diventare per forza ''Il Maestro'' anche come allenatore, deve vincere guidando la Juve, cosa diversa. E purtroppo il rischio della seconda opzione e'relativamente alto, considerando anche i profili dei collaboratori come Gagliardi e Baronio.
  14. OK. Allora rimaniamo sulla tua iniziale riflessione. Una cosa e'fare l'esterno di ruolo (come succede per esempio nelle squadre di Conte), un altra cosa e'occupare le zone esterne in certe strutture di gioco. Proprio per sottolineare questa importante differenza, ho introdotto il termine ''strutture'' nella discussione. E nel secondo caso, gli ''esterni'' a piede invertito li vedi molto spesso. Poi, ripeto, bisogna, valutare se i nostri lo possono fare o se il modo migliore per sfruttarli, ma di esempi pratici ce ne sono migliaia.
  15. Ma guarda che le stesse strutture le puoi adottare giocando in modo diverso. Contro l'Atletico, in casa, le strutture erano indentiche (3-2-5 in fase offensiva) ed hai fatto un gioco diretto, concentrato sui cross. Hai vinto 3-0. Il City sfrutta gli inserimenti delle mezzali negli spazi intermedi etc.etc.etc... Pirlo applica concetti di gioco di posizione. Quindi, certe strutture le vedremo in campo, perche in settimana si fa un certo tipo di lavoro. Il 3-2-5 ti offre la possibilita di schierare il ''midefield-box'' per sfruttare meglio la diagonalita e avere un orientamento piu ottimale, per agevolare la rapidita di esecuzione nelle ricezione dei filtranti. Piu il concetto di superiorita numerica sulla linea... Ovviamente, tutto questo bisonga valutarlo se verra materializzato sul campo con le nostre risorse umane a disposizione... E'ancora presto per giudicare. In realta, i primi giudizi si possono dare verso gennaio/febbraio.
  16. Non e'esattamente cosi. Dipendeva dalla situazione. La prima linea era spesso composta da Ramsey/Morata/Ronaldo, con la seconda composta da McKennie/Rabiot/Kulu (un po sfalsata). Dipendeva se uno della prima linea usciva sul portiere, mentre la Roma giocava con tre centrali, l'altezza di Spinazzola e dove era il pallone. Personalmente non ho visto gravi errori in pressione per quanto riguarda i riferimenti, ma i tempi.
  17. Non abbiamo giocato con il 3-5-2. Primo, Kulusevski non ha giocato a tutta fascia. Giocare a tutta fascia significa scalare su tutte le linee, cosa che lo svedese non ha fatto, al contrario di Cuadrado. Si adottano strutture in fasi di gioco, cosa diversa. La nostra e' il 3-2-5 in fase offensiva, con i 5 alti sulla linea avversaria. Ed in questa struttura i piedi invertiti li vedi molto spesso. Esempio pratico? Guardiola con Sterling/David Sivla/Aguero/De Bruyne/Bernardo Silva che occupano questi corridoi in fase offensiva.
  18. Pirlo anche ieri sera ha fatto la stessa cosa con la Sampdoria, nel senso che ha ricercato le stesse strutture nelle varie fasi di gioco (con alcune eccezioni in fase di pressione) e ha provato ad attuare gli stessi principi base, cioe filtranti, riaggressione e strutture preventive. Semplicemente ha cambiato certi interpreti, scelte che pero avevano la loro logica. L'alternativa a Cuadrado era pur sempre Frabotta, sostenere che sarebbe stata per forza una scelta migliore, mi pare un giudizio azzardato. Ripeto, si ragiona sempre di strutture. Voleva uno forte nell'uno contro uno per ''sfalsare'' (termine utilizzato da Pirlo) la difesa della Roma. Nella Fiorentina Cuadrado giocava spesso alto a sinistra, e se mi ricordo bene in quel ruolo ha fatto il maggior numero di gol nella sua carriera. La scelta di Cuadrado ovviamente e'stata una ''forzatura'' (per mancanza di alternative piu valide), ma con la sua logica. Per quanto riguarda Kulusesvki, e'stato provato cosi perche e'prossimo l'integramento di Dybala, i quali hanno zone e movimenti che si sovrappongo. Ma anche lo stesso svedese ha le sue colpe. In situazioni di uno contro uno, con copertura preventiva distante (quindi con eseguzione della diagonale lunga), lo svedese non ha mai provato di saltare il diretto avversario. E in queste situazioni e posizioni si trovera anche se giochera nei ''3 stretti e centrali nei corridoi offensivi'', siccome i giocatori sono in continuo movimento. Non puo essere cosi ''timido''. La difesa a tre, schierata bassa, e'sempre il miglior modo per contrapporsi alle strutture ricercate da Pirlo.
  19. Chiesa e'un giocatore che puo offrire anche varieta tattica, siccome e'molto duttile. Siccome si ragiona per ''occupazione degli spazi'', le strutture che occupano meglio il campo durante la fase difensiva, oltre il 4-4-2, sono il 5-4-1 e il 4-5-1. Pirlo ha detto che vuole sperimentare anche diverse soluzioni, appena sono disponibili tutti i titolari, ma senza cambiere il modello di gioco. E due esterni di gamba come Chiesa e Kulusevski, possono permetterti una struttura difensiva come il 4-5-1, con mezzali/trequartist (Ramsey/Dybala) ed un singolo mediano. E le scalate possono tranquillamente rimanere le stesse: con il 3+2 in fase di costruzione (che in realta e'in fase di consolidamento) ed il 3-2-5 in fase offensiva. Proprio come succede spesso nelle squadre di Guardiola. Ovviamente sono ipotesi, per provare ad interpretare possibili sperimentazioni.
  20. Ciao Avvocato, Nel mio commento parlavo in generale, mentre tu ti riferisci ad una soluzione precisa di interpreti. Se i corridoi offensivi da occupare sono 5, e tre quelli interni, andrai sempre di ''tridente'' in fase offensiva, indipendentemente dagli interpreti. La questione e'avere interpreti da ''corsa'' e ''sacrificio''. Attualmente il tridente da te proposto (Ronaldo/Morata/Dybala) fa pensare ad una soluzione da partita in corso o da partita con la maggiore percentuale (70%+) di possesso a tuo favore. Con Allegri, alcune volte se ti ricordi, Morata scalava a sinistra in un 4-4-2, ma sarebbe piu ''straightforward'' una scalata a rombo. Ma queste sono solo ipotesi.
  21. Pirlo nella sua conferenza mi ha parzialmente smentito, anche se si e'leggermente contradetto. Ad inizio conferenza dice che valutera in base alle caratteristiche della Roma, e in base a questa considerazione il giornalista successivo li chiede se la Juve cambiera il proprio modo di giocare in base all'avversario. Pirlo ha risposto categoricamente no, ma ha utilizzato il termine ''modello di gioco''. Ovviamente, il modello di gioco, non cambiera, perche molto probabilmente fa riferimento alla periodizzazione tattica, specialmente in relazione alla sua dichiarazione che la Juve in questa settimana ha aumentato i carichi di lavoro. Ed infatti, nella periodizzazione tattica, piu passa il tempo, e piu vengono aggiunte esercitazioni di ulteriori principi, sotto-principi e sotto-sotto-principi, cosi che la squadra possa interiorizzare il modello di gioco in modo totale.
  22. Secondo me, e'meglio non ragionare di ruoli, ma di occupazione degli spazi. In linea generale, Pirlo vuole tre giocatori offensivi con qualita da attaccante/seconda punta/trequartista relativamente stretti nei tre corridoi interni, e due in ampiezza per allargare il gioco. Ovviamente, Kulusevski si trova meglio nei tre. Ma nei tre ci puoi stare con scalate diverse, per questo motivo si parla di strutture. Per esempio Ramsey era un esterno sinistro che scalava nei tre a compensare i movimenti di Ronaldo sul centrosinistra. Con Kulusevski bisogna aspettare l'integramento di Dybala, e valutare la loro coesistenza a livello di intesa, scalate e occupazione dei corridoi offensivi.
  23. Ciao Windom, Sempre piu allenatori parlano di padronanza del copro. Anche Sarri aveva fatto riferimento alla coordinazione di Bernardeschi, caratteristica fondamentale, come aveva detto, dei grandi campioni. Personalmente, di Kulusevski mi ha impressionato molto la sua capacita di arresto. Mentre i suoi tempi di passaggio sono fuori dal comune. Lo si vede anche dai passaggi piu semplci. Come attira la pressione per poi passarla avendo regalato spazio/tempo al suo compagno, sono cose da livello Messi (anche se non mi piace fare paragoni con grandi nomi, ma in questo caso faccio un'eccezione perche lo svedese mi ha lasciato un'ottima impressione sotto questo aspetto).
  24. Secondo me, in linee molto generali. Per esempio, preferiro sempre un Douglas Costa a piede invertito in ampiezza destra, che un Danilo. Ed un giocatore ci deve pur arrivare a crossare. Tralatro, viviamo in un epoca dove i cross sono rasoterra, effetuati da dentro l'area, che richiedono meno capacita tecnica nella esecuzione. Per quanto riguarda il tiro, il vantaggio del piede invertito vale di piu per giocatori del tiro tecnico, e meno per quelli che tirano di ''mattone''. In fine, la riga e'piu una attitudine del giocatore, che la vuole usare come riferimento. Per esempio Douglas sia a destra che a sinistra utlizza la riga come riferimento, non cambia se gioca a piede invertito o meno.
  25. Secondo me, Chiesa e'un nome che e'coerente alle caratteristiche mentali ricercate da Pirlo, piu che tecnico/tattiche. Secondo me, si sta provando di costruire una squadra determinata e forte mentalmente. E Chiesa, che piaccia o no, ti sfianca con la sua quantita ed e'uno che lotta su ogni pallone.
×
×
  • Create New...