Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 04/21/2018 in all areas

  1. 5 points
    Il mio concetto di cosa vuol dire Juve va oltre al tifo. La Juve è semplicemente una parte di famiglia per me, da sempre. È come avere un padre, una madre, un fratello, una sorella..tutti seduti allo stesso tavolo. E come in tutte le famiglie hai i tuoi alti, i tuoi bassi, problemi vari...ma nessuno può permettersi di venire a toccarti, la difenderai sempre con le unghie. Juve è famiglia quindi..se dovessi farne uno slogan, userei questo e basta.
  2. 3 points
    I cagata sono sonnacchiosi. Adesso vaneggiano su uno scansamento alla penultima quando giocheranno a Napoli, dove sono tutti concordi tranne uno che devono lasciar vincere il Napoli . Poi arriva la solita doccia gelata di uno un po' più furbo degli altri "Se non ci scansiamo ne prendiamo 3, se ci scansiamo ne prendiamo 5" e la discussione finisce. in tema Napoli un piccolo amarcord. Il mio primo Juve - Napoli allo stadio Oltre 70.000 spettatori. Mai visto tanti tifosi ospiti al Comunale (inclusi i cagata). Distinti e Maratona erano un mare di bandiere azzurre. Tantissime bandiere azzurre anche in Filadelfia e persino in centro curva dove eravamo noi tanti tifosi del Napoli (probabilmente ci sono anche io al secondo 43-45 ma non riesco a trovarmi). Partita intensa con finale da infarto. Altafini "core ingrato" la stampa sotto la Maratona con 3/5 dello stadio in delirio puro Un finale così domani e le coronarie saranno messe e dura prova. Allora come adesso FINO ALLA FINE !
  3. 3 points
    Io sono un '76 come il Brad. Inizio a seguire il calcio quando Michel ha appena abbandonato. Alle superiori (o era l'ultimo delle medie) studio tutte le mosse tattiche per Dino contro la Fiorentina con ancora Baggio tra le sue fila. Venero Rui Barros. L'ho visto fare pressing da solo contro gli olandesi del Milan mentre ci rifilavano un 4 a 0. Quell'anno DInone mi vince con l'adorato Galia anche la Coppa Italia proprio contro la Macchina Rossonera. Quella è la mia educazione sentimentale. Galia e Barros. Quelli che non si arrendono. Poi verrà lo champagne andato a male di Maifredi, un po' di gioia col ritorno del Trap, e lo champagne VERO del Marcellone. Forse mi affeziono troppo agli allenatori. Ancelotti mi sembra una brava persona, e gli han fatto le gran porcate. Mi arrabbio con gli amici juventini "Oh, come fa ad essere un imbecille, ha fatto 150 punti in due stagioni!". Il cinque maggio. "Guardateci, stiamo godendo!". Il 2006. Un crimine. Un crimine schifoso. Mi inizio ad informare.Ju29ro mi apre un mondo. Sono grato che me l'abbia aperto, ma fa ancora più male. ORa vado a petto in fuori, anche se è una magra consolazione. Intanto la Juventus esiste ancora, e torna su. Pavel pallone d'oro, Gigi, Del Piero, David, il Camora un po' a forza. C'ero a Rimini. Ricchiuti. Abito a un'ora di macchina. Ricchiuti. Torniamo su. Ci allena un gentiluomo un po' tonto. Qualche soddisfazione. Ai criminali gliela facciamo sempre vedere nera, in partita. Ma siamo distanti dalla Juve. un paio d'anni di barzellette con Ferrara Del Neri Zac. Siamo simpaticissimi. Io voglio essere ODIATO. Conte. Man mano che quella stagione va avanti ci si gonfia qualcosa dentro. In primavera tra Juventini ci guardiamo e basta , con un lampo negli occhi. Non osiamo parlare. Facciamo certi gesti con le mani. Abbiamo in cuore una speranza troppo grossa per sporcarla con le parole. Ma quando vedi uno come Pirlo che gioca CON NOI non puoi pensare di non eseere tornato. Il resto lo conoscete. Quinidi, come la vivo? Bho, se non la cappella sistina pretenderei almeno un Caravaggio. Però, a 'sti ragazzi ci sono affezionato. Non riesco a voler male nè a Bonucci nè a Conte, anche se i loro ego li hanno portati a fare una boiata ciascuno, a Tevez e Vidal voglio ancora bene e Nandone me lo abbraccerei. Per cui: questo mister accolto a sputi. A sputi, mica una metafora, che ci ha riportato a essere temuti anche in Europa ha ancora un credito di riconoscenza. E Manzo, perdinci, Manzo. Tutte le porche volte che c'è qualcosa che sembra impossibile stai sicuro che ci prova. Al limite "non mi faccio andar bene" quelli che giocano con lo scazzo (v.A.Sandro). Ma chi s'infortunia o ha limiti tecnici ha il mio supporto. Non sono un pastorello da presepe, eh! Durante la partita volano madonne come astronavi di Star Wars. Ma mi viene di difenderli. Forse invece che maturare son regredito.Anche i discorsi su quanto guadagnano mi infastidiscono. Quanto guadagnano? Guadagnano come calciatori e allenatori di massima serie in squadra importante. Anzi, magari ne avessimo che guadagnano a una cifra in più.Vorrebbe dire che siamo entrati in quella altissima fascia di mercato che -non prendiamoci in giro- ci è preclusa.Insomma, la mia palatina di letame la riservo SE e DOPO il fallimento di una stagione. Prima sono manicheo, estremista , ciecamente fideistico e financo negazionista.
  4. 3 points
    Con sempre maggior distacco, non solo il tifo ma proprio il calcio in generale e quello che sta diventando schiavo di esigenze televisive che vogliono creare armate di zombie sedentari che si devono fare tirate dal pomeriggio alla sera di partite per essere imboniti con sponsor e televendite. La fase di stanca verso il tifo cieco ed ottuso era già iniziata anni fa all'epoca di Capello quando smisi di fare l'abbonamento al Delle Alpi, per via di una Juve brutta da guardare quanto arrogante. Il crollo verticale della qualità della serie A dal 2006 in poi fece il resto. La fiamma è tornata i primi anni che siamo tornati in A con quel senso di rivalsa culminato col primo scudetto dell'epoca Conte e proseguito fino alla ri-realizzazione di quanto fosse inutile questo campionatoe e privo di emozioni di ogni sorta. La voglia di tifare torna in champions, perché qui la voglia di rivalsa è ancora tanta e difficile da esaurisi. Ma è l'intero concetto di tifo che oramai fatico a comprendere da uomo adulto: una cecità che può essere comprensibile nello sport, ma quando lo vedi nella politica o nella religione allora dici basta e cerchi di fare in modo che più che la passione lavori il cervello. Perché prima di tutto c'è l'amore per lo sport che si sta seguendo, altrimenti siamo solamente traviati come gli antichi romani da panem et circenses, dove ci basta uno spettacolo di mediocre qualità dove possiamo scegliere una fazione solo per scagliarci contro un'altro e dare un senso (?) infimo a quello che stiamo facendo.
  5. 2 points
    Personalissima opinione basata sui ricordi giovanili. Parola era un tradizionalista, nessuna idea nuova in un mondo che vedeva il calcio totale all'olandese venire prepotentemente alla ribalta. Avevamo una squadra due spanne superiore a tutte le altre ma perdemmo lo scudo contro il Toro di Radice. Quel Toro era secondo me inferiore alla Juve, ma Radice lo fece giocare in modo nuovo: pressing altissimo e tattica del fuorigioco. Una mini-Olanda di quel tempo e il loro entusiasmo e la nostra pancia piena fece il resto. Parola pagò la perdita di quello scudetto e venne cacciato. Direi a ragione, visto che non fu in grado di motivare sufficientemente i giocatori, nè portò nulla di nuovo al nostro modo di giocare. La Juve degli anni 70 avrebbe potuto vincere 10 scudetti di fila tanto era superiore, ma tanti oggi dimenticano che per vincere non basta essere più forti, bisogna anche avere la testa, la concentrazione continua e non rilassarsi mai. Quindi dopo due scudetti consecutivi si prendevano anno sabbatico per poi ricominciare l'anno successivo. Per questo dico che quello che sta facendo la Juve attuale è semplicemente mostruso: 6 di fila e speriamo nel settimo sono una cosa fuori dal mondo. Da ringraziare fine alla fine dei tempi: GRAZIE RAGAZZI !!!
  6. 2 points
    io scommetto un bei 5 euri che il 3 a 1 a Madrid in un paio di settimane diventerà "la vergonnia di quel cagòn che non ha messo abbastanza punte ". Bhe no, aspetta. Sono un vile con i miei 5 euri. E' GIA' INIZIATO. Nel frattempo, quelli che sostenevano "Il Real ci concederà un pareggino per non umiliarci, dato che sono società amiche", elegantemente, GLISSANO.
  7. 2 points
    Il 4231 non va bene. Deve fare il 4-3-3 come a Madrid. Cerchiamo di non cominciare a sbagliare gia' dal primo minuto mettendo in campo una formazione sbagliata per piacere.
  8. 2 points
  9. 2 points
    Morticia mi interessa...quella della serie eh ?! Quella del film la consideravo un cabestron ! Invece suo marito se lo piglino gli altri, va !
  10. 2 points
    Ho rimarcato questa frase perche quello e' la satira e non la battuta contro chi il potere non lo rappresenta, quella al massimo e' comicita del momento su un bersaglio facile perche sa di avere l'appoggio di 3/4 della popolazione italiana. Avesse avuto la stessa possibilita' nei riguardi di un giocatore del napoli o della roma se ne sarebbe guardato bene dal farla altro che satira contro il potere.
  11. 2 points
    Lukaku Ma che c**** vi piglia sto periodo ?
  12. 2 points
  13. 2 points
  14. 2 points
  15. 2 points
    Mamozio sarà allo stadio visto che stavolta lo fanno entrare
  16. 2 points
  17. 2 points
    Marotta e Lotito che si odiano, addirittura si incontrano per Lulic Ma sta gente perchè non va a lavorare.
  18. 2 points
    Il rientro da cardiff per me e per il mio socio di abbonamento è stato probante. Quando realizzi che due professionisti adulti mollano famiglie e figli spendendo più di un migliaio di euro per seguire i suddetti uomini-mutanda, rispecchiandoti -dopo la disfatta- nella compagnia di disperati che aspettavano con noi un volo che sarebbe partito ore dopo. Il miele della vittoria ottunde la reale comprensione di un fenomeno - il tifo, specialmente da stadio - che non dovrebbe avere senso alcuno. Ovviamente quest’anno siamo al nostro posto di abbonati, come ogni anno...
  19. 2 points
  20. 1 point
    Non leggo nulla da un pò, sulle formazioni, se non ora la pag. 26 e del dubbio Matuidi-Manzo. Non so oh, io capirò poco o nulla e sta bene, ma Matuidi e Manzo vanno fatti giocare. Non solo uno dei due. 4-3-3 violento, con Biagio interno sinistro e Manzo esterno alto "tattico". Manzo piastrellerebbe 9 volte su 10 il sig. Hysaj.
  21. 1 point
    E comunque ripeto che sarebbe stato anche un intervento simpatico (e satirico) su Benatia fino al punto 'Ma quale stupro, sei te che gli si entrato a m*****a' o cosa cavolo aveva detto. Il punto dopo, quello di 'augurare' a Medhi di capire cosa vuol dire venire stuprati non è nemmeno satira, è solo una troiata. E anche lasciando perdere la cosa in sé, in quel punto Crozzolo smette di essere sullo stesso piano della persona che sta prendendo in giro e si innalza a giudice. Che per me è una cosa che va esattamente all'opposto del concetto stesso di satira. Il satiro (scusate) non giudica da un piano morale all'altro, il satiro commenta ironicamente. (E io non è che sono un quacchero che non accetta o capisce la satira, il mio musical preferito è The Book of Mormon, unico show da cui abbia mai visto della gente uscire indignata dal teatro dopo aver speso un ciurlo e mezzo di biglietto.)
  22. 1 point
    4-2-3-1 con matuidi no eh, con tutti gli esterni a disposizione sarebbe una barzelletta.
  23. 1 point
    Quella copertina me la ricordo come se fosse stata stampata oggi. Fu l'ultimo campionato che vincemmo per molto (troppo) tempo. Quindi adesso non frigniamo troppo se vinciamo giocando male, perché non vincere in qualsiasi modo fa tanto male.
  24. 1 point
    C'è che hai il dono della sintesi, Ettore. A me quando mi vede, la sintesi, entra in depressione. P.s.-Davvero bella la metafora della "famiglia".Più che altro nelle reazioni quotidiane: come quando da ragazzini ci si poteva insultare in ogni modo con gli amici, coinvolgendo orifizi, pratiche contronatura, perversioni, però se toccavi "la mamma"..niente da fare, toccava passare alle mani.
  25. 1 point
    E che te lo dico a fare questi stanno gasatissimi alla partenza del pulman c'è una bolgia che li accompagnava
  26. 1 point
  27. 1 point
    Per ora non ci penso, ma se non vinciamo so già che mi addormenterò alle tre del mattino.
  28. 1 point
    Usciti i convocati, oltre a De Sciglio e Sturaro out anche Marchisio per influenza
  29. 1 point
    mah, se ci fossero per davvero patenti di Juventinità, probabilmente sarei tra quelli con meno punti. Per carità, le partite della Juve lo soffro, a tal punto che preferisco addirittura non guardare quelle più importanti. La mia salute è già quella che è.... non mi posso permettere di peggiorarla a causa di 22 individui che rincorrono un pallone. Ma lo stesso avviene per le partite della Nazionale. E da qualche anno ho cambiato idea sul gufare contro le altre squadre italiane impegnate in Europa. Ma bada: religione, politica ed altre fedi calcistiche NON sono per me una ragione per terminare amicizie.
  30. 1 point
    @Morpheus © nel tiolo la Juve perde partita MA NON la vetta del campionato :-)
  31. 1 point
    Ho capito il concetto Ma posso dirti che mi sembra un modo di pensare piuttosto sballato? Ci si lamenta di una battuta che va sul personale, ma poi non si ha alcun problema a incasellare per gravità uno stesso fatto a seconda che lo abbia detto X o Y, cioè in base a ragionamenti ad personam Crozza è probabilmente non juventino, lavora in un contesto che probabilmente non ha nulla di Juventino, l'italia è un paese a metà non juventino e contro la juventus, ma non ha nessuna importanza, è solo il suo punto di vista (e di chi la pensa come lui), perché ha così tanta importanza? Perché ha così tanta importanza che siano ALTRI a dover dire quello che pensi TU?
  32. 1 point
    Credo che sia una zoppìa che nel mondo del calcio (fra i più ineducati) ma non solo in quello, si sente particolarmente quella di una mancanza culturale in tal senso La nostra comicità o comunque la nostra capacità critica è ancorata a vecchissimi cliché che non hanno dovuto nemmeno faticare per essere integrati dalla moda del politically correct, e infatti abbiamo un livello talmente infimo e livellato che non appena uno esce dal coro, non ne vale la pena Ma allo stesso tempo parlo di zoppìa perché quelle stesse logiche che come paese ci tengono a mollo in una morale stantia e bigotta sono condotte da chi in questo paese ha sempre fatto la voce grossa impartendo lezioni di bon ton e ipocrisia quando poi manda nei suoi canali gente che ha tutto l'interesse a schierarsi solo da una parte Io difendo l'esistenza della parte nobile della satira, non di chi la subordina a interessi padronali, da noi quello che manca è la vera libertà, e questo è vero sia perché chi deve giudicare senza condizionamenti (siamo il paese dei sospetti), sia per chi deve provare a fornirti una visione diversa delle cose. Probabilmente i veri artisti della satira in italia sono quattro gatti che fanno la fame, così come altrove fanno decenni di gavetta prima di potersi meritare le grandi platee, ma lì una sorta di meritocrazia in fondo c'è, e apprezzano questa forma culturale. Anche lì, si possono sentire battute sui Black Sox o su quanto facciano schifo i Bulls o i Knicks, e la gente ne ride. Amen, senza farne un romanzo d'appendice... Oh per il resto, non è che cerco i puntini per essere meglio delle altre tifoserie (se non incidentalmente), io come tifoso Juventino sono tifoso di una maglia e voglio che mi rappresenti, tutto qua. Non ragiono in termini di "noi e loro", però. Quando hai capito questo, puoi aver cose da spartire con qualunque schieramento e paradossalmente averne poche con quelli del tuo stesso schieramento. Le morali di massa le respingo totalmente, da qualunque parte provengano, specialmente se pretendono di insegnarmi il mestiere di juventino
  33. 1 point
  34. 1 point
    Mi hai rubato il post, confessa!
  35. 1 point
    tek howedes benatia chiellini asamoah cuadrado pjanic kedira costa higuain mandzukic
  36. 1 point
    Tutto vero ma ci sono stili di satira... Se vuoi fare satira sull uso sproporzionato e fuori luogo che si fa della parola in generale: - non vai sul personale - non esageri: augurare a qualcuno di provare una cosa del genere é davvero troppo - non usi quel linguaggio: "la prossima volta il fallo prova a prebderlo su per il c**o" (o una cosa del genere) é francamente troppo...é Offensivo...e lo é direttamente e sul personale Benatia ha sbagliato...ma la prima fase é un errore non molto grave...é straniero e il termine stupro in effetti viene usato diversamente anvhe in molti libri nonostante la natura forte ed evocativa del termine e mi pare evidente non volesse mancare di rispetto a nessuno...(ricordiamo anche la prostituzione intellettuale di mou) Ha sbagliato a reagire nella seconda fase....ma una cosa é evidente: CROZZA é stato davvero un imbecille.
  37. 1 point
    fossi in te smetterei anche di tifare bayern, tanto sai che tra un po' al bernabeu ti danno 3 rigori contro
  38. 1 point
    Ti permetto tutto quello che vuoi, anche perché sei un ottimo utente Tu però permettimi di farti notare che forse non hai una grande familiarità con la satira (anche d'oltreoceano), che non è un peccato mortale assolutamente, ma che (se ce l'hai) ti allena la mente ad un'elasticità per cui l'"offesa" diventa sempre molto relativa Il concetto della satira non è tanto attaccare la persona, ma il potere in tutte le sue forme, tipo quello delle parole, tipo quello delle parole usate a vanvera. Che Benatia non sia madrelingua e probabilmente non abbia gli stessi strumenti linguistici di un Crozza, non significa AFFATTO che non debba stare attento a quello che dice, e sapeva molto bene quello che stava dicendo. È un top calciatore. Rappresenta una società, uno stile, un brand famoso in tutto il mondo per certi atteggiamenti. E viene pagato fior fior di milioni per non sbroccare o lasciarsi andare anche a caldo (prova a rimanere ad alti livelli presentandoti alle interviste tipo Zenga arrabbiato, e vediamo quanto ci resti). Quindi ha sbagliato, punto e basta. Mi riferisco adesso alla PRIMA uscita, quella in cui ha usato un termine fuori luogo. DOPO non puoi cascare dal pero se un tizio che di mestiere fa SATIRA e quindi commenta in chiave comica o semplicemente critica i fatti della società in cui vive e che soprattutto gli interessano, usa quell'errore dialettico e te lo rivolge contro. A quel punto stai al gioco. La satira non si prende gioco di Benatia, qui. Si prende gioco dell'aggressività di un'espressione ottusa. Che merita di essere messa in ridicolo o quantomeno in discussione. "Ti prendi tanto sul serio mentre usi questa parola sproporzionata al contesto? (mentre c'è gente che la violenza vera sa cosa significa) e allora vediamo qual è la tua reazione se io provo a giocare un po' con le parole e farti passare dall'altra parte", questo è il senso, l'ironia tipica di un certo tipo di satira. Crozza avrebbe sbagliato se dalle parole fosse passato ai fatti. Ma gli risponde usando la sua stessa costruzione semantica, facendo di lui la vittima, proprio per fargli intuire quanto sia sgradevole sentirselo dire una volta che hai sperimentato il potere su di te (che sia quello della violenza fisica o di una parola che ne trasporta il significato). Da un punto di vista strettamente tecnico, la battuta ha perfettamente un suo ruolo e una sua funzione, tipica anch'essa, che è pedagogica, (de)moralizzante e sovversiva. Il punto è che Crozza la serve così com'è, non la adorna e non la traveste di una qualche ambiguità intellettuale e quindi viene fuori una cosa che è leggermente detta meglio di uno sfottò da curva Ma per cortesia, prima di continuare a usare le parole offese e insulto, ripassate una volta per tutte cosa sia la satira e riflettete se sia più importante "sentirsi offesi" o avere la possibilità di dire quello che si pensa, specialmente se serve a correggere un'uscita assolutamente discutibile e scomposta come quella che ha innescato tutto il circo (e non è di Crozza)
  39. 1 point
    Ha la gloria imperitura dal gol della Coppa'nfaccia
  40. 1 point
    Allegri in conferenza... Ma s'io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, le attuali conclusioni credete che per questi quattro soldi, questa gloria da stronzi, avrei allenato campioni; va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il "crucifige" e così sia, chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia, il primo che ha studiato... Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento? Ovvio, il medico dice "sei depresso", nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento.
  41. 1 point
  42. 1 point
    Giocava Goulam a sinistra prima di distruggersi le ginocchia
  43. 1 point
    maronn Allegri in conferenza con la tiritera non è decisiva come partita, mi ha fatto scendere la wallera e cagottto peggio di mamozio
  44. 1 point
    Cari cagata che ci leggete dal buco della serratura, vorreste per cortesia insultare anche il sopraccitato GdM nonché EBATiano militante, ALAIN? È vero che sfugge ad ogni stereotipo tipo “siete solo 4 terroni” oppure “gobba in trasferta, Calabria deserta”, però vi invito a considerare la sua posizione geografica. In quanto marsigliese egli è: A. Nel sud della Francia B. A costante contatto con maghrebini e nordafricani in genere C. Non mi viene in mente, ma tanto voi siete talmente invasati che già al punto A vi avrò convinto (Ah, ALAIN va scritto tutto maiuscolo. Sapete, la grandeur, noblesse oblige, etceterà etceterà...)
  45. 1 point
    C’è Chi ha la milfona pugliese e la milfona svizzera e chi va in giro con Bovinella la vergine di Guernica
  46. 1 point
    Ma penso sia l'età anche o dipende da quanto ti emozionano ancora certi giocatori, perché se incontrassi Montero domani mi emozionerei come un bimbo In un negozio di cucine incontrai per caso Del Piero e consorte e mi tremavano le gambe , vedere il mio idolo dal vivo, salutandolo. Ultimamente incontrai Bonucci in via Lagrange con la famiglia, un saluto di sfuggita, e mi rispose " Sempre" al mio "Forza Juve Leo" Ma poche emozioni, se non la soddisfazione di incontrare un giocatore della tua squadra. Questo a quanto vedo è un qualcosa di comune tra chi ha tra i 28-40 anni Adesso ti rendi conto che Bentancur è davvero un bimbo rispetto a te
  47. 1 point
    Parto dalle radici. Mi sono legato ad una Juventus che non vinceva lo scudetto da 9 anni. La mia prima stagione che ricordo è quella che portava al mondiale americano, dove Baggio era l'unico Juventino e ci stava portando il mondiale da solo. Quindi nonostante sono dagli altri tifosi dire spesso che tifare Juve è facile, io dico proprio il contrario, siamo una minoranza se rapportati alla comunella che fanno le altre tifoserie per vederci perdere. Sicuramente farsopoli ha segnato un solco profondo, come credo a tutti. Mi sono sentito una secchiata d'acqua gelata in viso, mi sono chiesto, cos'è per me la Juventus, cosa mi porta a spendere le mie domeniche e non solo per lei? Da lì capii che avrei anche visto Juventus-Cuneo in Serie C, anche se sarebbe stato spiacievole non vedere più certi giocatori, ma l'appartenenza andava oltre Mi sentii ancora più Juventino di prima, leggevo il forum, mi informavo sulle intercettazioni che stavano sbobinando Penta e compagni. Chiaramente la dimensione del network mi porta al bar ogni momento libero della giornata. Una decina d'anni dove ho trovato un grande confronto con altri tifosi, anche se a volte mi spiace vedere addirittura sofferenze nel vedere la nostra amata Juve, magari la amano anche più di me, magari la amiamo diversamente, però sarà che per me di cose positive se ne possono trovare, bisogna analizzare bene i momenti. Per quanto riguarda l'attualità Cerco di godermi al massimo queste vittorie, questi uomini, un percorso di Champions che mi ha illuso, io che dopo Manchester decisi di non sognarla più. Invece.. Perché vedere ancora giocatori come Buffon,Barzagli,Chiellini,Marchisio cari miei non sarà facile trovare in altri atleti questo senso di appartenenza. E il tempo si sta assottigliando. Sicuramente di cose sbagliate ne hanno commesse, qualche dichiarazione, qualche partita, qualche acquisto, prese in giro come un allenatore cambiato a Luglio con annuncio immediato del successore nemmeno 24h dopo. Ma sulla bilancia pendono le cose positive Una cosa è certa io senza Juve non riesco a stare
  48. 1 point
    La juve, la maglia, i colori, la squadra li tifo allo stadio. Durante la partita il sostegno è sempre stato e sempre sarà totale. Quando sono davanti alla TV idem come sopra. In un forum, a bocce ferme, speravo si potesse discutere obbiettivamente più delle cose migliorabili, piuttosto di quelle che vanno già benissimo. Più in generale, il sostegno che deve essere sempre totale, nel luogo preposto, non dovrebbe mai essere confuso con "qualsiasi cosa fate o succeda va bene a prescindere". Sostenere che a Torino " il sole splenda sempre e comunque" non aggiunge nulla, anzi rischia di essere controproducente.
  49. 1 point
    Nel mentre vi racconto la mia visione. Ho maturato la mia idea di tifo considerando oggi (42 anni tra un po') le persone che compongono la Juventus nè come idoli da venerare, nè come fornitori di un servizio "soddisfazione tifoso" da apprezzare o meno a seconda dei livelli appunto forniti (livelli che possano misurati in risultati, trofei, spettacolo, occasioni di rivalsa verso altri tifosi o quant'altro). Li vedo come dei compagni in un viaggio, da fare assieme ognuno con quello che può e che deve dare. Un lungo viaggio fatto di tantissime tappe, che si ripete ogni stagione. Un viaggio in cui appunto fai dei tratti in piano, altri in salita, qualche strada tortuosa, a volte vai forte ed altre volte rallenti. Un viaggio dove ci sono imprevisti, dove ti incazzi e dove ti diverti. Un viaggio che qualche volta fai con la mercedes, altre volte l'hai fatto col pandino bucato. Considerandoli come compagni non mi viene naturale andarli ad apostrofare quando imboccano la strada sbagliata o quando tamponano la macchina avanti. Certo, se è un continuo sbattere bisogna porsi la questione di risolvere il problema; ma qualche ammaccatura l'arrivo a tollerare, ci metto un bell'adesivo sopra. Esser compagni in un'avventura, è la prima cosa che mi viene in mente.
  50. 1 point
×
×
  • Create New...