Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 06/16/2021 in Posts

  1. 17 points
    Parliamo di cose serie.....lasciate sta politica demmherda ad altri topic !
  2. 16 points
    RIP Non avendolo vissuto da Presidente vorrei ricordarlo così
  3. 13 points
    Era ovvio, ed è l'ennesima riprova dell'infinita fortuna che significa avere un colosso come Exor alle spalle Detto questo, i costi erano insostenibili da prima del Covid, che ovviamente ha dato la botta decisiva. Tocca renderli di nuovo sostenibili
  4. 12 points
    Stipendio di 31 netti pari a 54 lordi. Con lui (grazie a lui) le sponsorizzazioni Adidas e Jeep sono passate da 39,5 a 101 milioni l’anno. Il tutto senza considerare di avere in squadra uno dei migliori giocatori della storia del calcio che ha segnato più di 100 goal in 3 stagioni. Uno che oltre ad essere un campione assoluto ha un miliardo, ripeto, UN MILIARDO di followers sui social media che ci ha fatto fare un salto di visibilità mondiale che non ci saremmo mai sognati. Se continui a guardare solo il lato costi e continui ad omettere il valore aggiunto in termini di incremento fatturato e di valore del brand Juve a livello mondiale (senza contare il valore aggiunto sul campo) non so che dirti…
  5. 12 points
    Una chicca...raduno della nazionale (credo) gli altri con lo stemma dell'Italia sulla giacca, lui con quello della Juve p.s. e sigaretta tra le dita
  6. 11 points
    Comunque é inaccettabile l’atteggiamento passivo della nostra proprietá. Ziliani continua a sparare M***A sulla juve….. e noi gli facciamo pure fare da testimonial alla jeep renegade 4xe
  7. 11 points
    ohhhh ma così piango rivoglio la prima repubblica del forum grande ferox il fedele confalonieri di tbn uela cummendatur ce ne siam caricate in macchina di ali a piede invertito 18enni cecoslovacche tvb
  8. 11 points
  9. 10 points
    sarò vecchio ma non ci capisco una mazza, ci sono terminologie a me ignote, ne capisco di più di astrofisica
  10. 10 points
    Boniperti, l'ultima intervista: «La Juve non è nel mio cuore, è il mio cuore» Nel 2018, nel giorno del suo novantesimo compleanno, uscì l'ultima intervista su Tuttosport: «Senta, la Juve può giocare bene o meno bene, ma io quando vedo un giocatore che indossa quella maglia tifo per lui, è più forte di me, è un legame indissolubile» di Guido Vaciago Il 4 luglio del 2018, nel giorno del suo novantesimo compleanno, uscì l'ultima intervista su Tuttosport realizzata da Marina Salvetti e Guido Vaciago. La ripubblichiamo integralmente. Presidente, le piace questa Juventus? Giampiero Boniperti sospira, quasi a lasciare intendere che la domanda posta a lui quasi non ha senso. «Senta, può giocare bene o meno bene, ma io quando vedo un giocatore che indossa quella maglia tifo per lui, è più forte di me, è un legame indissolubile». La leggenda bianconera compie 90 anni, non parla volentieri, ma non tradisce il suo cuore a strisce bianche e nere. «Allo stadio non vado più ma non perdo mai la partita in televisione, le vedo veramente tutte. E ovviamente sono felice se vince e non mi piace vederla perdere». L’uomo ha sempre incarnato l’essenza della juventinità. Tifoso da bambino, giocatore da quando era adolescente, presidente da adulto: un percorso dritto e coerente come la sua persona, carismatica e iconica per milioni di juventini. Boniperti ha attraversato le epoche della Juventus e del nostro Paese, con il pragmatismo contadino di cui non solo non si è mai vergognato, ma ha fatto sempre tesoro, e con lo stile che gli permetteva di dialogare con Gianni Agnelli, insieme al quale ha formato una coppia indissolubile il cui ricordo fa sciogliere qualsiasi tifoso sopra i quarant'anni e inorgoglire tutto il popolo bianconero. «La Juve non è soltanto la squadra del mio cuore. E' il mio cuore», ripete sempre. Uno dei suoi aforismi preferiti e forse il più romantico. Meno conosciuto di quello divenuto così immortale da essere citato in continuazione ed essere perfino stampato sul colletto della maglia nella stagione 2013-14: «Vincere non è importante. E' l’unica cosa che conta». La summa dello juventinismo (figlia di una frase analoga pronunciata da Vince Lombardi, coach dei Green Bay Packers, grande team della Nfl Anni 60) e spesso male interpretata. Perché non è uno slogan arrogante, ma una filosofia di vita che, in fondo, è figlia di un’altra pepita di saggezza con cui il senatore Giovanni Agnelli, fondatore della Fiat, aveva impostato il suo modo di lavorare: «Una cosa fatta bene può sempre essere fatta meglio». Qui infatti non c’entra il barone De Coubertin, apparentemente sbeffeggiato dalla smania di arrivare primi dei bianconeri, perché la concezione del mondo juventina è un austero e continuo tendere alla perfezione, o quanto meno al miglioramento o al raggiungimento di qualcosa più in là, senza accontentarsi mai e senza mai sbracare in nome della sobrieta? sabauda. E' lo sport inteso come ricerca di confini sempre nuovi e, soprattutto, come storia infinita che trova continuita? fra le generazioni. Un po’ come Giusto Gervasutti, l’immenso alpinista degli Anni 30 e 40, che dopo ogni sua grande conquista, in cima alla vetta, veniva pervaso da una pro-fonda malinconia e riusciva a placarla solo cercando con gli occhi altre vette da conquistare. Boniperti, da presidente, era vittima della stessa mania e altro che pullman scoperto! I giocatori delle sue Juventus ricordano sorridendo le loro feste per gli scudetti o le coppe: «Arrivava nello spogliatoio con la bottiglia di spumante. Stappava, brindava e un minuto dopo il cin cin era lì che sottolineava le fasi della stagione più critiche, gli errori da non commettere più, gli obiettivi per la stagione successiva». Pancia piena? No, con Boniperti non avevi il tempo di riempirla. E quello spirito è stato tramandato e periodicamente rinasce nei cicli vincenti bianconeri, come quello che sta vivendo la societa? juventina, spinta dalla famelica voglia di vincere di stampo bonipertiano. Lui che da giocatore aveva iniziato da spettatore privilegiato e ammirato dell’epopea del Grande Torino, del quale fu fiero rivale, ma anche amico. Poi toccò anche a lui vincere e trionfare con le scarpe chiodate ai piedi. Quelle che consegno? al magazziniere il 10 giugno del 1961: «Tienile tu, a me non servono più». Inutile l’insistenza di Gianni Agnelli, aveva deciso di ritirarsi e non tornò indietro. Spiegando, più avanti, nella sua autobiografia: «La Juve, il sogno della mia vita. La sognavo davvero. Perché io, che portavo all’occhiello il distintivo bianconero, avevo in quegli anni un solo desiderio: giocare almeno una partita di Serie A con la maglia bianconera. Me ne sarebbe bastata una, ero sicuro, per essere felice per sempre. E' andata meglio: in campionato ne ho giocate 444. Ho fatto la mia parte senza sacrifici. Perché ho dato quello che avevo dentro. Sono un uomo felice». Anche adesso, alla soglia dei 90 anni: «Un regalo? Non chiedo nulla, ho avuto già tanto». Auguri presidente.
  11. 10 points
  12. 9 points
    Se mezzo foro schifa Locatelli sto tranquillo, stessa storia per Chiesa un anno fa. In settimana è previsto un incontro col Sassuolo per discutere dell'affare, il giocatore vuole venire, i rapporti col Sassuolo sono stra ottimi, mi sorprenderei molto se dopo un anno di "corteggiamento" non arrivasse.
  13. 9 points
  14. 9 points
  15. 9 points
    A parte che non possiamo sapere se l'Ajax sia stato invitato e abbia declinato l'offerta (primo) e in secondo luogo sia agnelli che perez hanno detto DA SUBITO che l'ingresso in lega era garantito anche ai vincitori dei maggiori campionati nazionali (o delle prime migliori piazzate). quindi esattamente di cosa stiamo parlando? del fatto che ci vada una sola fra ajax e psv? dai, eh... ah davvero? e del comportamento della UEFA che prima ti fotte il 70% dei ricavi fatti con UN TUO PRODOTTO e poi appena ti volti va a fare lingua in bocca coi tuoi concorrenti che non rispettano le regole CHE LORO STESSI HANNO IMPOSTO come lo vogliamo chiamare? con la differenza che la UEFA lo fa DA ANNI E ALLA LUCE DEL SOLE. ripeto: facile fare i recchioni col posteriore degli altri. prova a cacciar tu 100 milioni di euro sul tavolo ogni anno e poi vediamo se ti vien naturale far finta di niente quando il governo va a favorire puntualmente il tuo diretto concorrente (stralciandogli pure i processi a suo carico!). vuoi un buon argomento? te ne do uno ottimo: I SOLDI. Piaccia o non piaccia sto giochino tocca metterlo in piedi perchè il calcio è un settore che brucia soldi a manetta. e li brucia perchè giocatori, procuratori, intermediari, squadre, presidenti, etc... diventano ogni giorno sempre più ingordi ed insaziabili. Piaccia o non piaccia quei club lì sono quelli che contano più tifosi a livello mondiale. Sono quelli che hanno in mano I CLIENTI. E chi ha in mano i clienti, ha in mano IL CASH. il motivo per cui questi club ci devono essere ogni anno è semplicemente per AUMENTARE I RICAVI. Ricavi che poi finiscono a cascata su TUTTI gli altri club. Dice niente il fatto che noi si stia trattando gente che viene DAL SASSUOLO per 40 milioni di euro? Piaccia o non piaccia il calcio ormai è così. E la coppia AA-Perez ha fatto un discorso molto chiaro: hanno detto che ci si sta avviando COME SISTEMA verso l'insolvenza. E questo a partire dalle squadre di lega pro, le quali vengono, per l'appunto, mantenute in vita proprio grazie ai soldi che club come la juventus cacciano nella giostra. Ma i clienti che hanno cacciato quei soldi li ha in mano LA JUVE. Non l'albinoleffe o la battipagliese, per la madonna! ma disastro di che? DI COSA??? sulla base di che? ad oggi le 3 squadre dissidenti non hanno ricevuto nessuna sanzione, sono iscritte alla CL e sono tuttora nell'organizzazione della superleague assieme agli altri 12 club. questi sono DATI DI FATTO OGGETTIVI. non opinioni. mi dici, cortesemente, dove starebbe il disastro? ma non mi tirar fuori le tue sensazioni personali eh... perchè quelle contano zero in questa vicenda. il disastro, semmai, l'ha combinato ceferin, che con la sua arroganza ha ignorato le richieste dei club per anni e li ha portati al muro contro muro mettendo a serio rischio la sopravvivenza dell'organizzazione che gli paga lo stipendio.
  16. 8 points
  17. 8 points
    Io amo i calciatori demmherda come lui, disposti a qualsiasi cosa pur di portare a casa la vittoria....
  18. 7 points
  19. 7 points
    Cambierei il titolo al topic.... Mi pare più appropriato la crociata di Zico1982
  20. 7 points
    Non da un contributo significativo alla discussione ma mi faceva ridere …
  21. 7 points
    Io sono d'accordo con Zico82. Alla fine basta che tutti i giocatori della rosa facciano 2 gol a testa e hai i 40 gol di Ronaldo risparmiandoti l'ingaggio. Coi soldi risparmiati dal suo ingaggio basta prendere un attaccante da 5,6 gol a stagione che segni al posto dei 2 portieri senza fare passettini, rigorini, saltellini e tutto quadra. Se poi sa anche mettersi in barriera si va a comandare. Poi i 4 spiccioli di Adidas delle magliette di Ronaldo si possono benissimo recuperare vendendo le mutande di Bernardeschi al mercatino
  22. 7 points
  23. 7 points
  24. 7 points
  25. 7 points
    Una leggenda in campo che non ho potuto vedere, ma ancor più leggenda da Presidente. Lui è il mio Presidente. Lui è "il Presidente" Creatore dello stile, portatore sano di juventinità.. Tagliati i capelli Niente orecchini Vestiti decorosamente Comportati come si deve, sei nella famiglia bianconera Vincere non è importante, è l'unica cosa che conta... Arrivare davanti alla sua scrivania voleva dire presentarsi di fronte ad una leggenda.. Un grandissimo e leggendario "pezzo" di storia bianconera. Soprattutto la mia.. Buon riposo mio Pres, fai buon viaggio e.... Forza Juve sempre!!! ❤️
  26. 7 points
    Questa è una di quelle notizie che non si vorrebbero mai sentire: con Boniperti se ne va un grande interprete della storia della Juventus, una persona che ne ha incarnato profondamente lo stile sia da giocatore che da dirigente. Mi sono innamorato della Juve quando, ancora bambinetto, all'inizio degli anni '50 sentivo le radiocronache di Nicolò Carosio e fantasticavo su quel campione che vestiva la maglia bianconera o quella azzurra; ho vissuto le stagioni prestigiose della sua presidenza e ho sofferto la sua mancanza quando mi rendevo conto che la dirigenza del momento avrebbe avuto ancora bisogno di un uomo come Boniperti. Da oggi potrà ritrovare i suoi compagni di un tempo e tutti i grandi campioni che lo hanno preceduto nel lungo viaggio al quale anche tutti noi, prima o poi, dovremo prendere parte: da oggi nel cielo juventino risplende una nuova stella che illuminerà il cammino della nostra squadra per gli anni a venire. Buon viaggio al nostro indimenticabile Presidente, con l'augurio che la terra gli sia leggera e che possa riposare in pace per sempre.
  27. 7 points
    fantastico, @TheOriginalPortugalin modalità @avatar che nostalgia ragazzi, che tempi che erano
  28. 6 points
    Ma scusa amico tu avresti preso un giocatore del 1990 , cioè 31 anni Contratto di 4 anni a 9 netti? Cioè per venire alla Juve avremmo dovuto dagli 10 milioni netti fino a 35 anni??? Il bello che si criticano tanto le operazioni rabiot e Ramsey con i loro 7 netti acquistati prima del covid Rabiot aveva 24 anni nel 19 con vari gettoni in nazionale francese e centinaia di presenze con il Psg Ramsey quasi 100 gol fra premier e nazionale età 29 anni Acquistare un 31enne e pagarlo 10 netti fino a 35 dopo due bilanci covid? Operazione senza senso Che garanzie hai che ti sposti così tanto a metà campo scusa??? Fino a 35 anni oltretutto
  29. 6 points
    E comunque non toccatemi Paulino ! Buona domenica fratelli e sorelle
  30. 6 points
    Ciao a tutti. Scarso questo Berardi eh? @Ibra Ti saluto caro amico. Ma quanto è bello vedere il nostro Domenico danzare in campo a livello internazionale. Un abbraccio a tutti
  31. 6 points
    Che bestia gosens Due anni che è un animale su quella fascia
  32. 6 points
    Top anticipò un mese fa un aumento da 400kk.
  33. 6 points
    Bastano? E ho preso solo qualche commento sotto la foto
  34. 6 points
    Aggiungo una cosa al ricordo che ho fatto stamane... Boniperti è stato Juve, Juve, e ancora Juve... La sua vita sportiva è bianconera, non riesco a pensare a nessuno che possa meritare il nome dello stadio più di lui. Nessuno... Se mai fosse possibile, mi darebbe gioia vedere giocare i nostri ragazzi al Giampiero Boniperti di Torino...
  35. 6 points
    Io non ho parole, solo millemila immagini, quelle raccolte dal fotografo storico Giglio che raccontano la storia di un MITO, una BANDIERA. Grazie a tutti per gli aneddoti e i racconti di famiglia
  36. 6 points
    Per me togliere le maglie è una delle piu grandi cacate che si possano fare
  37. 6 points
  38. 6 points
    Il "Trio Magico" ora potranno tornare a divertirsi e dare spettacolo anche in cielo...
  39. 6 points
    Ma il tocco di classe del numero di telefono che rievoca il mitico 5 maggio?
  40. 6 points
  41. 6 points
    Non mettete a confronto UOMINI come Gattuso con pezzi di sterco come il parrucchino per cortesia.
  42. 6 points
    Scusami Cantona se rispondo io, magari anche a nome dei favorevoli alla SL. Cosa ne penso della mancanza di meritocrazia nella SL? Te lo dico chiaro: non me ne frega nulla, niente, zero spaccato. Perché? Perché da luglio 2006, le altre squadre per me possono fallire, tutte. A me interessa solo la Juve e la sua salute. Se la SL ci da più soldi a me non va bene, bensì benissimo. Poco romantico? Certo, ma ripeto, delle altre, del merito, del romanzo calcistico non me frega nulla... E te lo dice uno che fino a 20 anni tifava per tutte le italiane in coppa. Poi grazie alla Figc, ai giornalisti ed agli antijuventini, è cambiato tutto.
  43. 6 points
    Gran giocatore locatelli...mi sembra un po di sentire sempre li stessi come l'anno scorso per Chiesa...
  44. 5 points
  45. 5 points
    Nessuno diceva che é scarso. Quando doveva venire da noi per due o tre stagioni di fila, molti di noi ne eravamo entusiasti. Ma poi lui ci ha sfanc*lato. Naturale poi servirli un po di rancore per come si é portato verso la Juve. Anche giusto notare che questo ottimo talento non ha mai giocato sotto pressione com un grande club o in Champions. Non sapremo mai cosa poteva diventare.
  46. 5 points
    A un giorno di distanza.. È una notizia che temevo da anni, ciclicamente pensavo al fatto di non averla ancora ricevuta. Purtroppo il giorno è giunto Sono cresciuto nel suo assoluto mito, per merito di mio padre. Non nego che ieri mattina ero abbastanza scosso, e non sono una persona che si "scuote" spesso Chi è Gobbo da ieri è più solo, ed ha perso tanto. Resta la memoria. Dovere nostro e della Juventus onorarla come sarebbe piaciuto a lui
  47. 5 points
  48. 5 points
  49. 5 points
  50. 5 points
    e si lamentano quando non segna, e si lamentano quando si mette male in barriera, mo si lamentano quando segna solo due gol, ma dopo l'85esimo. che deve fare sto qua per non farvi lamentare? farvi trombare Giorgina?
×
×
  • Create New...